A Viva Voce
Alcuni uomini e alcune donne di Corsica, premurosi del rinverdimento della lingua dotta dei nostri antenati hanno deciso di pubblicare questa rivista in lingua italiana. Essa è un nostro retaggio e un puntello per mantenere viva la lingua còrsa.
Home
Invia a un'amico
Stampa
aumenta la taglia del testo
diminuisci la taglia del testo
Corso
Prete Carlotti

A Stella di i Pastori (leggenda di Natale)


Pubblicato su "L'Ile. Organe de la pensée corse". 1934.


A Stella di i Pastori (leggenda di Natale)

C'era una volta, in Corsica, tre pastori, tre fratelli.
 


 


Dice una leggenda chi u primu, essendu di pelu rossu, culor di focu, si chiamava Russellu, Russellu di Niolu, perchè, d'estate si ne muntagnava cu e so' pecure in Niolu.
 


 


U secondu purtava u so' nome in capu. Era di pelu e di pelle cume -rispettu parlandu- u fondu di a paghiola, e u chiamavanu Murrone, Murrone di Rustinu perchè muntagnava cu e so' pecure in Rustinu.
 


 


U terzu poi, si chiamava Bianchinu. Era di carnatu biancu e rossu, biondu di capelli, e muntagnava cu e so' pecure in Venacu. Bianchinu di Venacu era u più zitellu e u più bravu, e dolce di carattere.
 


 


D'estate si spiccavanu i tre fratelli, ognunu statinendu ind'u so' rughjone. Ma d'inguernu si ritruvavanu inseme a un solu stazzu, in piana di a Marana. Durmivanu e magnavanu sott'a listessu tettu, e di e so' tre bande di bestie un ne facìanu che una di novecentu capi.
 


 


Eranu vint'anni e più ch'elli facianu cusì, in famiglia, e mai mai un c'era statu tra elli u minimu disaccordu. S'ajutavanu bè e si tenìanu veramente cari. E l'altri pastori e vicinanti ne eranu ancu jelosi : vidìanu chi da puveretti diventavanu ricconi a l'usu di quelli tempi antichi.
 


 


Or una notte di dicembre, accadì un fattu stranu chi duvìa mette sottu sopra u restu di i so' jorni a tutt'e tre.
 


 


Vighiavanu a u stazzu di Marana, distesi nant'u pancone imbuttitu di fasci di filette secche, i pedi davanti un focu imburratu, quandu èccuti chi, da a volta di u celu, si stacca una stella gande e luccichente chi fala e si cala propiu in piazza, illuminendu, cume un sole, u stazzu e a larga pianura silenziosa.
 
 


 

- Chi miraculu ! Si sclamò Bianchinu. E corse subitu fora.
- Durmìmu, nanzu ! Disse Murrone, vultendusi. Ha l'asgiu a corre appressu e stelle, Bianchinu !
- Vogliu vede anch'eiu, disse Russellu. Agguarda tamanta luce, pare jornu.

 


 


E saltò da u lettu, l'occhj abbagliulati, currendu appressu a u fratellu.
 


 



A stella meravigliosa viaghjava pian pianìnu , sfiurendu e cime di l'arburi e aprendu una strada tantu bella e culurita, chi parìa un imbitu misteriosu a seguitalla.

 


 

- Seguitemula ! Gridò Russellu.
- Questu è un segnu, disse Bianchinu, cummossu in fondu di l'anima. Seguitemula ! Aiò, fratellu !

 


 

E partenu, fendu passi di giganti, per mezze macchie.
 


 

Viaghia e viaghia, in pocu tempu ti jugnenu in riva di mare. A stella si n'andava versu Roma e l'Oriente.

 


 

- Turnemucine, disse Russellu. Cume s'ha da fà ?
- Avanti ! Gridò Bianchinu chi era digià entratu in l'acqua.
 


 

Incurraggitu, Russellu fece cume u fratellu. E, senza temenza, marchiavqnu in mare cume nantu a terra. A mane, a l'albore, èccuti chi -francate l'immensità di e stese marine- toccanu una sponda e ti jugnenu a u pede di una grotta. Sopr'a quella grotta, a stella stava fissa. Dentru c'era a Madonna, u Bambinu, San Ghjseppu, un sumere e un boie. E una curona d'Agnuli, ad ale stese, cantavanu tutt'a l'ingiru.


 


I dui pastori, a quella vista, s'indinucchionu e aduronu u Bambinu chi i benedì alzenu a so' manucchia rossa.
 


 

Dissenu poi San Ghjseppu e a Madonna :
 


 

- Sarete ancu stanchi? Vi vulete ripusà appena ? A paglia c'è...
- Innò ! Vi ringraziemu. Ci ne vulemu vultà subitu in Marana. Sapete chi e pecure un si ponu fermà sole.
 


 

San Ghjseppu surtì cun elli, l'accumpagnò una cinquantina di passi e, d'attu, l'indicò a so strada.
 


 

- Tè, disse a Bianchinu, stu filucciu di deda, chi s'è sempre notte . Ti juverà.
 


 

Quellu li basgiò a manu e si messe in senu u filu, o piuttostu, a scarza di a deda.
 


 

Ma si l'andata era stata corta e sfaticata, u ruornu un fù listessu. Fù longu e straziatu. A stella, ben intesu, un lucìa più. Traversonu mille paesi incunusciuti, campagne senza fine, boschi pieni di serpenti, fureste piene d'orsi, fiumi senza ponti, creste di alte muntagne, e lavi e mari. Missenu tre anni picchi e tondi a ghiugne in Corsica. Quand'elli affacconu, una sera di notte, a u stazzu di Marana, spugliati, scapigliati, scalzi e stracciati cume ladri, nimu i pudìa ricunosce. Chiamonu :

 


 

- Apri, apri, o Murrò! Simu noi...
- Quale, noi ?
- Noi, i to' fratelli.
- Buggiardi ! Eiu un aghiu fratelli, chi sò morti.
- Aprici o Murrò. So eiu, Russellu...
- Ed eiu, Bianchinu. Agguardami in faccia.
 


 

Murrone un rispundìa più.
 


 

Bisogna a dì chi, in tre anni d'assenza di i fratelli, Murrone s'era arricchitu cu bestie e roba d'elli. U so' core era induritu cume una petra.
 


 

A a voce, u so' sangue avìa fattu a scossa e ricunusciutu u sangue. Ma fece cume si nunda fussi. A la fine briunò forte :
 


 

- O tirate avanti strada, o vi lentu i jagheri appressu. E tirò un fischiu stridente.


 


A u fischiu di u padrone, trenta jagheri abbaghionu, arrabbiati.
 


 

I dui poveri pellegrini s'alluntanonu, cu e canne di a gola belle strette, si capisce, ma rassegnati a a vuluntà di Diu, senza maladì u so' fratellacciu. Anch'elli induvinavanu a trista verità chi quellu facìa neciu d'ùn cunosceli e s'era ingattivitu a u puntu d'andà ancu a tumballi.


 


A la fretta, scappanu di a Marana. Russellu di Niolu cullò per Calacuccia, Albertacce e Calasima, e parlò a parenti ed amici. Nimu volse ricunosce u parente o l'amicu di prima. U piglionu per un vagabondu, u caccionu di paese a colpi di petrate.
 


 

Bianchinu capulò per Venacu, a u Poghiu e a u Lugu. Ebbe listessa sorte. Tutti si ridìanu d'ellu e u pigliavanu per un scemu.
 


 

E cusì, forza li fù a tramindui di campà cume i disgraziati, guasi cume banditi di macchia.
 


 

Per un annu tribulonu a so' vita mischina, girulendu, inquà e indà, per monti e valli, alluggiendu più ind'e e grotte ca in case, rudendu jande e castagne.
 


 

Una notte, cum'elli durmìanu, in punta di u monte Sant'Agnulu, sopra a Casinca, so' sbigliati da un gran fracassu luntanu. Agguardanu a l'inghiò, e vedenu chi un incendiu immensu cunsuma tutt'u pianu di Marana.
 


 

- U stazzu è in focu, disse Bianchinu. Feghia : un ci ferma un steccu...
- Brusgianu e pecure !... Oh ! Mille chi scappanu accese, dicia Russellu. Oh ! Tamanta disgrazia !


 


A disgrazia era più majò ch'ell'un pudìanu imaginassila. Tutti i schiavi di a Marana si eranu levati in rivolta contru i so' padroni, avìanu zingatu u focu da per tuttu, a case e màndrie, e tazzatu in pezzi chi li era battutu in manu.
 


 

A sera a l'attrachià, un omu tuttu squarciatu in capu, c'un bracciu infasciulatu, liatu a un mandile, si presentava a a Grotta di Sant'Agnulu : era Murrone, mani-mozzu, scappatu da Marana.
 


 

Vistu i fratelli, firmò impaladitu cumu un mortu arrittu...
 


 

- Un mi tum... ba... te !...
- Entri o fraté, risposenu elli... Avà, si più corciu che noi, statti cu noi. U Signore ci ajuterà.
- Alò! Accendi un bellu focu, disse Russellu, chi no' faccìmu cena.


 


Magra era a cena : un pezzu di pulenda fredda e un mezzu furmagliu niulincu. Bianchinu accende u focu e cerca a sacchetta di a pruviste. A sacchetta era sparita... e a cena cun ella !


 



Da u dulore ch'ellu ne sentìa, si minò di pugnu in pettu :
 


 

- Nunda sta sera. Cum'ella casca male !
 


 

Or minendusi in pettu, eccu chi i so' diti s'inchiappanu in qualcosa di sodu sottu a camisgia. Face passà a manu e caccia u filucciu di a deda ch'ellu s'avia sempre addossu, un pensandoci mancu più.
 


 

- U filu di a deda... Oh !... s'esclamò.


 

E l'accese ;


 


Una fiaccula d'oru illuminò a grotta. In d'un cantu, c'era, - o miraculu !- una tavula apparicchiata, bianca, bianca, cu belle pietanze chi fumavanu, bon pane e bon vinu.


 


-  Femu cena, dissenu tutti attempu.
 


 


E fecenu una cena cume mai un ne magnonu cusò bundante e deliziosa .
 


 

A la fine, Bianchinu arregò una pignatta chi si fermava intatta.
 


 

- Guardate, ci s'è ancu què piena !


 


A purtò nantu u tavulinu e ne levò u cuparchiu. Tandu : pan ! A pignatta si crepa e lascia corre una mansa di maranghini d'oru.


 


- O Jesù benedettu ! Chi tesoru !...
 


 

Da la gioia, i tre fratelli s'abbraccionu, ghiurendu d'un fà più che una sola famiglia e d'un stancassi ma' più sin'a la morte chi vense, ma tardi, tardi, a centu e un annu, cunsulata e illuminata da a Luce santa di a Stella di Bettelemme.


Prete Carlotti


Opinioni | Articoli | Documenti | Abbiamo letto | Notizie | Corso | Archivi | Miscellanea




Galleria
Bastia-palazzo dei Governatori genovesi- Cortile interno
Stagno di Biguglia
Cittadella di Bonifacio
Cittadella di Bonifacio - Le mura
Città romana d'Aleria - Il forum
Bastia-palazzo dei Governatori genovesi
Vista dal cielo
Cattedrale di la Canonica
Rogliano
Cittadella di San Fiorenzo
Stagno di Biguglia
Chiesa San Michele di Murato
Chiesa di Patrimonio
Torre genovese di Miomo






Registrazione alla newsletter









Scambio di link tra i nostri siti