A Viva Voce
Alcuni uomini e alcune donne di Corsica, premurosi del rinverdimento della lingua dotta dei nostri antenati hanno deciso di pubblicare questa rivista in lingua italiana. Essa è un nostro retaggio e un puntello per mantenere viva la lingua còrsa.
Home
Invia a un'amico
Stampa
aumenta la taglia del testo
diminuisci la taglia del testo
Corso
Prete Carlotti

A Stella di i Pastori (leggenda di Natale)


Pubblicato su "L'Ile. Organe de la pensée corse". 1934.


A Stella di i Pastori (leggenda di Natale)

C'era una volta, in Corsica, tre pastori, tre fratelli.
 


 


Dice una leggenda chi u primu, essendu di pelu rossu, culor di focu, si chiamava Russellu, Russellu di Niolu, perchè, d'estate si ne muntagnava cu e so' pecure in Niolu.
 


 


U secondu purtava u so' nome in capu. Era di pelu e di pelle cume -rispettu parlandu- u fondu di a paghiola, e u chiamavanu Murrone, Murrone di Rustinu perchè muntagnava cu e so' pecure in Rustinu.
 


 


U terzu poi, si chiamava Bianchinu. Era di carnatu biancu e rossu, biondu di capelli, e muntagnava cu e so' pecure in Venacu. Bianchinu di Venacu era u più zitellu e u più bravu, e dolce di carattere.
 


 


D'estate si spiccavanu i tre fratelli, ognunu statinendu ind'u so' rughjone. Ma d'inguernu si ritruvavanu inseme a un solu stazzu, in piana di a Marana. Durmivanu e magnavanu sott'a listessu tettu, e di e so' tre bande di bestie un ne facìanu che una di novecentu capi.
 


 


Eranu vint'anni e più ch'elli facianu cusì, in famiglia, e mai mai un c'era statu tra elli u minimu disaccordu. S'ajutavanu bè e si tenìanu veramente cari. E l'altri pastori e vicinanti ne eranu ancu jelosi : vidìanu chi da puveretti diventavanu ricconi a l'usu di quelli tempi antichi.
 


 


Or una notte di dicembre, accadì un fattu stranu chi duvìa mette sottu sopra u restu di i so' jorni a tutt'e tre.
 


 


Vighiavanu a u stazzu di Marana, distesi nant'u pancone imbuttitu di fasci di filette secche, i pedi davanti un focu imburratu, quandu èccuti chi, da a volta di u celu, si stacca una stella gande e luccichente chi fala e si cala propiu in piazza, illuminendu, cume un sole, u stazzu e a larga pianura silenziosa.
 
 


 

- Chi miraculu ! Si sclamò Bianchinu. E corse subitu fora.
- Durmìmu, nanzu ! Disse Murrone, vultendusi. Ha l'asgiu a corre appressu e stelle, Bianchinu !
- Vogliu vede anch'eiu, disse Russellu. Agguarda tamanta luce, pare jornu.

 


 


E saltò da u lettu, l'occhj abbagliulati, currendu appressu a u fratellu.
 


 



A stella meravigliosa viaghjava pian pianìnu , sfiurendu e cime di l'arburi e aprendu una strada tantu bella e culurita, chi parìa un imbitu misteriosu a seguitalla.

 


 

- Seguitemula ! Gridò Russellu.
- Questu è un segnu, disse Bianchinu, cummossu in fondu di l'anima. Seguitemula ! Aiò, fratellu !

 


 

E partenu, fendu passi di giganti, per mezze macchie.
 


 

Viaghia e viaghia, in pocu tempu ti jugnenu in riva di mare. A stella si n'andava versu Roma e l'Oriente.

 


 

- Turnemucine, disse Russellu. Cume s'ha da fà ?
- Avanti ! Gridò Bianchinu chi era digià entratu in l'acqua.
 


 

Incurraggitu, Russellu fece cume u fratellu. E, senza temenza, marchiavqnu in mare cume nantu a terra. A mane, a l'albore, èccuti chi -francate l'immensità di e stese marine- toccanu una sponda e ti jugnenu a u pede di una grotta. Sopr'a quella grotta, a stella stava fissa. Dentru c'era a Madonna, u Bambinu, San Ghjseppu, un sumere e un boie. E una curona d'Agnuli, ad ale stese, cantavanu tutt'a l'ingiru.


 


I dui pastori, a quella vista, s'indinucchionu e aduronu u Bambinu chi i benedì alzenu a so' manucchia rossa.
 


 

Dissenu poi San Ghjseppu e a Madonna :
 


 

- Sarete ancu stanchi? Vi vulete ripusà appena ? A paglia c'è...
- Innò ! Vi ringraziemu. Ci ne vulemu vultà subitu in Marana. Sapete chi e pecure un si ponu fermà sole.
 


 

San Ghjseppu surtì cun elli, l'accumpagnò una cinquantina di passi e, d'attu, l'indicò a so strada.
 


 

- Tè, disse a Bianchinu, stu filucciu di deda, chi s'è sempre notte . Ti juverà.
 


 

Quellu li basgiò a manu e si messe in senu u filu, o piuttostu, a scarza di a deda.
 


 

Ma si l'andata era stata corta e sfaticata, u ruornu un fù listessu. Fù longu e straziatu. A stella, ben intesu, un lucìa più. Traversonu mille paesi incunusciuti, campagne senza fine, boschi pieni di serpenti, fureste piene d'orsi, fiumi senza ponti, creste di alte muntagne, e lavi e mari. Missenu tre anni picchi e tondi a ghiugne in Corsica. Quand'elli affacconu, una sera di notte, a u stazzu di Marana, spugliati, scapigliati, scalzi e stracciati cume ladri, nimu i pudìa ricunosce. Chiamonu :

 


 

- Apri, apri, o Murrò! Simu noi...
- Quale, noi ?
- Noi, i to' fratelli.
- Buggiardi ! Eiu un aghiu fratelli, chi sò morti.
- Aprici o Murrò. So eiu, Russellu...
- Ed eiu, Bianchinu. Agguardami in faccia.
 


 

Murrone un rispundìa più.
 


 

Bisogna a dì chi, in tre anni d'assenza di i fratelli, Murrone s'era arricchitu cu bestie e roba d'elli. U so' core era induritu cume una petra.
 


 

A a voce, u so' sangue avìa fattu a scossa e ricunusciutu u sangue. Ma fece cume si nunda fussi. A la fine briunò forte :
 


 

- O tirate avanti strada, o vi lentu i jagheri appressu. E tirò un fischiu stridente.


 


A u fischiu di u padrone, trenta jagheri abbaghionu, arrabbiati.
 


 

I dui poveri pellegrini s'alluntanonu, cu e canne di a gola belle strette, si capisce, ma rassegnati a a vuluntà di Diu, senza maladì u so' fratellacciu. Anch'elli induvinavanu a trista verità chi quellu facìa neciu d'ùn cunosceli e s'era ingattivitu a u puntu d'andà ancu a tumballi.


 


A la fretta, scappanu di a Marana. Russellu di Niolu cullò per Calacuccia, Albertacce e Calasima, e parlò a parenti ed amici. Nimu volse ricunosce u parente o l'amicu di prima. U piglionu per un vagabondu, u caccionu di paese a colpi di petrate.
 


 

Bianchinu capulò per Venacu, a u Poghiu e a u Lugu. Ebbe listessa sorte. Tutti si ridìanu d'ellu e u pigliavanu per un scemu.
 


 

E cusì, forza li fù a tramindui di campà cume i disgraziati, guasi cume banditi di macchia.
 


 

Per un annu tribulonu a so' vita mischina, girulendu, inquà e indà, per monti e valli, alluggiendu più ind'e e grotte ca in case, rudendu jande e castagne.
 


 

Una notte, cum'elli durmìanu, in punta di u monte Sant'Agnulu, sopra a Casinca, so' sbigliati da un gran fracassu luntanu. Agguardanu a l'inghiò, e vedenu chi un incendiu immensu cunsuma tutt'u pianu di Marana.
 


 

- U stazzu è in focu, disse Bianchinu. Feghia : un ci ferma un steccu...
- Brusgianu e pecure !... Oh ! Mille chi scappanu accese, dicia Russellu. Oh ! Tamanta disgrazia !


 


A disgrazia era più majò ch'ell'un pudìanu imaginassila. Tutti i schiavi di a Marana si eranu levati in rivolta contru i so' padroni, avìanu zingatu u focu da per tuttu, a case e màndrie, e tazzatu in pezzi chi li era battutu in manu.
 


 

A sera a l'attrachià, un omu tuttu squarciatu in capu, c'un bracciu infasciulatu, liatu a un mandile, si presentava a a Grotta di Sant'Agnulu : era Murrone, mani-mozzu, scappatu da Marana.
 


 

Vistu i fratelli, firmò impaladitu cumu un mortu arrittu...
 


 

- Un mi tum... ba... te !...
- Entri o fraté, risposenu elli... Avà, si più corciu che noi, statti cu noi. U Signore ci ajuterà.
- Alò! Accendi un bellu focu, disse Russellu, chi no' faccìmu cena.


 


Magra era a cena : un pezzu di pulenda fredda e un mezzu furmagliu niulincu. Bianchinu accende u focu e cerca a sacchetta di a pruviste. A sacchetta era sparita... e a cena cun ella !


 



Da u dulore ch'ellu ne sentìa, si minò di pugnu in pettu :
 


 

- Nunda sta sera. Cum'ella casca male !
 


 

Or minendusi in pettu, eccu chi i so' diti s'inchiappanu in qualcosa di sodu sottu a camisgia. Face passà a manu e caccia u filucciu di a deda ch'ellu s'avia sempre addossu, un pensandoci mancu più.
 


 

- U filu di a deda... Oh !... s'esclamò.


 

E l'accese ;


 


Una fiaccula d'oru illuminò a grotta. In d'un cantu, c'era, - o miraculu !- una tavula apparicchiata, bianca, bianca, cu belle pietanze chi fumavanu, bon pane e bon vinu.


 


-  Femu cena, dissenu tutti attempu.
 


 


E fecenu una cena cume mai un ne magnonu cusò bundante e deliziosa .
 


 

A la fine, Bianchinu arregò una pignatta chi si fermava intatta.
 


 

- Guardate, ci s'è ancu què piena !


 


A purtò nantu u tavulinu e ne levò u cuparchiu. Tandu : pan ! A pignatta si crepa e lascia corre una mansa di maranghini d'oru.


 


- O Jesù benedettu ! Chi tesoru !...
 


 

Da la gioia, i tre fratelli s'abbraccionu, ghiurendu d'un fà più che una sola famiglia e d'un stancassi ma' più sin'a la morte chi vense, ma tardi, tardi, a centu e un annu, cunsulata e illuminata da a Luce santa di a Stella di Bettelemme.


Prete Carlotti


Opinioni | Articoli | Documenti | Abbiamo letto | Notizie | Corso | Archivi | Miscellanea




Galleria
Cittadella di Bonifacio
Cattedrale di la Canonica
Chiesa San Michele di Murato
Bastia-palazzo dei Governatori genovesi- Cortile interno
Vista dal cielo
Città romana d'Aleria - Il forum
Cittadella di San Fiorenzo
Rogliano
Torre genovese di Miomo
Bastia-palazzo dei Governatori genovesi
Stagno di Biguglia
Stagno di Biguglia
Chiesa di Patrimonio
Cittadella di Bonifacio - Le mura






Registrazione alla newsletter









Scambio di link tra i nostri siti