A Viva Voce
Alcuni uomini e alcune donne di Corsica, premurosi del rinverdimento della lingua dotta dei nostri antenati hanno deciso di pubblicare questa rivista in lingua italiana. Essa è un nostro retaggio e un puntello per mantenere viva la lingua còrsa.
Home
Invia a un'amico
Stampa
aumenta la taglia del testo
diminuisci la taglia del testo
Corso
Peppu Flori

A bandera corsa lasciata da Maistrale



A bandera corsa lasciata da Maistrale

A sera quand’ellu morse

Ind’un’ultima prichera,

Cun d’altre rilequie corse

M’ha lasciatu a bandera,

Dicendu : « Cun voi forse

Ùn sarà più prigiunera.

 

A truvarete ind’un scornu

Calma, placida e sirena

Accantu a l’anticu cornu

Tutta carca di fulena,

Fateli vede u ghjornu

Chi pare un’anima in pena.

 

Tinitela puru contu

Perchè li nostri babboni

Cun ella stavanu in prontu

Per difende li rughjoni

E a u minimu affrontu

Divintavanu lioni.

 

Testa di Moru sacrata

Lu so valore ùn è persu

Cun la fede e poca armata

Spavintava l’universu

Benchì aspessu ghjastimata

E bardata di traversu

 

Ha intesu i sacri accenti

Di « Diu vi salvi Regina »

Ha vistu i stazzi spenti

Da la morte e la ruvina

I vechji cù i nucenti

Battendu la mattacina.

 

Ha vistu tanti malanni

E tante piache murtale

A l’omi cambià di panni

Ma micca di naturale

Avà sò centu ottanta anni

Ch’ella piegne u so male.

 

Ha vistu ancu la fiumara

Purtà quelli omi di vaglia

E per difende la tarra

I morti fà la muraglia

U sangue corsu s’infiara

Pinsendu a quella battaglia

 

Era in Borgu, in Ampugnani

In Calinzana e in Niolu

Da Olmetu a Furiani

Cum’è un’acula à u volu

Tinuta da bone mani

Tinta di sangue è di dolu

 

Tistimone di la razza

E di e cuscenze antiche

Chì nisunu oghje rimpiazza

Nè sigueta e vistiche

Perchè u prugressu spazza

A grana di quelle spiche. »

 

Aghju rispostu : « Vi ghjuru

Cusì strignendula in pettu

Sarà a locu sicuru

Cun tuttu lu mio affettu

Nimu, cridetemi puru

Li mancarà di rispettu. »

 

Peppu Flori

 





La Bandiera Testa Mora è la bandiera della Corsica.
 
È uno stendardo bianco con al centro una testa di moro sbendato sulla fronte con direzione verso l'inferitura. Questa bandiera è direttamente riconducibile al dominio aragonese (Bandiera di Saragozza e di Aragona) e storicamente legata a quella dei quattro mori nella vicina isola della Sardegna.
 
La Bandiera Testa Mora fu adottata dal generale della nazione Pascal Paoli nel 1755, basandosi sulla versione preesistente della bandiera, che riportava il moro con gli occhi coperti dalla bandana. Paoli volle che il moro fosse sbendato, per simboleggiare la liberazione del popolo corso.
A bandera di Pontenovu (1769)
A bandera di Pontenovu (1769)

Opinioni | Articoli | Documenti | Abbiamo letto | Notizie | Corso | Archivi | Miscellanea




Galleria
Cittadella di Bonifacio - Le mura
Stagno di Biguglia
Chiesa San Michele di Murato
Vista dal cielo
Cittadella di San Fiorenzo
Chiesa di Patrimonio
Cittadella di Bonifacio
Cattedrale di la Canonica
Rogliano
Stagno di Biguglia
Bastia-palazzo dei Governatori genovesi- Cortile interno
Torre genovese di Miomo
Città romana d'Aleria - Il forum
Bastia-palazzo dei Governatori genovesi






Registrazione alla newsletter









Scambio di link tra i nostri siti