A Viva Voce
Alcuni uomini e alcune donne di Corsica, premurosi del rinverdimento della lingua dotta dei nostri antenati hanno deciso di pubblicare questa rivista in lingua italiana. Essa è un nostro retaggio e un puntello per mantenere viva la lingua còrsa.
Home
Invia a un'amico
Stampa
aumenta la taglia del testo
diminuisci la taglia del testo
Corso
Anton Francescu Filippini

A prete Carlotti


Poesia dal n° 123, pag.213, agosto-ottobre 1968 del periodico in lingua còrsa “U MUNTESE”.


Anton Francescu Filippini
Anton Francescu Filippini

Prete Carlotti, avà chi site mortu
capiscerete tuttu u miò penséru.
Eramu tantu amici, e ghié un mistéru
ch’ellu ci abbia divisi qualche tortu.

 

Vécchiu pastore toccu da u destinu,
falàvete da e punte verdiacce,
riscuprendu pe’ Cirnu e sante tracce
di e so’ leggende e u so’ parlà latinu.

 

Eo cominciava appena le miò pròve.
Paternamente mi diceste: “Veni.
Affiancati a noialtri, tu chi teni
a chiave d’oru di e to’ rime nòve”.

 

Bench’inespertu, mi vuleste a paru;
e purtàimu inseme lu cuncégghiu
tra e terre stenebrate da un albégghiu
chi ci mustrava l’orizzonte chiaru.

 

Chi vuliete torna? Ch’éo tenissi
a frenu lu miò giovanu cerbéllu?
Ch’éo fussi prima vécchiu che zitéllu
e a u ventu di a matina ùn mi sturdisse?


 

Anch’éo avìa dirittu a li miò estri
e, né cambià pudìa a miò natura,
né dì, s’ella un m’andava una fattura:
Va be’…per ùn dispiace a i miò maestri.

 

Poi, quando l’armunìa è in precipiziu,
l’ombra nasce da nunda. Avà sapete
quant’éo pensài a voi in l’ore inquiete
chi a voi purtònu croce, a noi ciliziu.

 

Prete Carlotti, tra l’eterne stélle
duv’e v’avete tròvu i vostri cari,
dite, ci serà lòcu pe’ i miò pari,
e pe’ le muse antiche e le nuvelle?

 

Se vo’ mi preparate un pusatogghiu,
duve l’ànghiuli parlanu un latinu
chi pare còrsu, e un frate balaninu (1)
dice chi u paradisu è un dannatogghiu,



vi prumettu d’un fabbi più stravede:
tantu, oramai, sò vécchiu cum’e voi.
Ma ch’éo trovi ancu a Paoli e i s’Eroi
E quella Sòra (2) di tamanta fede!
 


 
Anto Francescu Filippini

 

  1. Padre Tumasgiu ALFONSI, autore, tra l’altru, di a bella puesia “A risposta di u mulìnagghiu” ch’à ispiratu ‘sti versi.

  1. La Signora Monaca RIVAROLA. Préghemu di rilégghie, a ‘stu prupositu, u racontu di Prete CARLOTTI (Martinu Appinzapalu), chi s’intitula: “Sottu a quellu castagnu).


Opinioni | Articoli | Documenti | Abbiamo letto | Notizie | Corso | Archivi | Miscellanea




Galleria
Vista dal cielo
Cittadella di Bonifacio
Torre genovese di Miomo
Chiesa di Patrimonio
Rogliano
Stagno di Biguglia
Cittadella di San Fiorenzo
Chiesa San Michele di Murato
Cattedrale di la Canonica
Stagno di Biguglia
Bastia-palazzo dei Governatori genovesi
Bastia-palazzo dei Governatori genovesi- Cortile interno
Città romana d'Aleria - Il forum
Cittadella di Bonifacio - Le mura






Registrazione alla newsletter









Scambio di link tra i nostri siti