A Viva Voce
Alcuni uomini e alcune donne di Corsica, premurosi del rinverdimento della lingua dotta dei nostri antenati hanno deciso di pubblicare questa rivista in lingua italiana. Essa è un nostro retaggio e un puntello per mantenere viva la lingua còrsa.
Home
Invia a un'amico
Stampa
aumenta la taglia del testo
diminuisci la taglia del testo
Corso
Anton Francescu Filippini

A prete Carlotti


Poesia dal n° 123, pag.213, agosto-ottobre 1968 del periodico in lingua còrsa “U MUNTESE”.


Anton Francescu Filippini
Anton Francescu Filippini

Prete Carlotti, avà chi site mortu
capiscerete tuttu u miò penséru.
Eramu tantu amici, e ghié un mistéru
ch’ellu ci abbia divisi qualche tortu.

 

Vécchiu pastore toccu da u destinu,
falàvete da e punte verdiacce,
riscuprendu pe’ Cirnu e sante tracce
di e so’ leggende e u so’ parlà latinu.

 

Eo cominciava appena le miò pròve.
Paternamente mi diceste: “Veni.
Affiancati a noialtri, tu chi teni
a chiave d’oru di e to’ rime nòve”.

 

Bench’inespertu, mi vuleste a paru;
e purtàimu inseme lu cuncégghiu
tra e terre stenebrate da un albégghiu
chi ci mustrava l’orizzonte chiaru.

 

Chi vuliete torna? Ch’éo tenissi
a frenu lu miò giovanu cerbéllu?
Ch’éo fussi prima vécchiu che zitéllu
e a u ventu di a matina ùn mi sturdisse?


 

Anch’éo avìa dirittu a li miò estri
e, né cambià pudìa a miò natura,
né dì, s’ella un m’andava una fattura:
Va be’…per ùn dispiace a i miò maestri.

 

Poi, quando l’armunìa è in precipiziu,
l’ombra nasce da nunda. Avà sapete
quant’éo pensài a voi in l’ore inquiete
chi a voi purtònu croce, a noi ciliziu.

 

Prete Carlotti, tra l’eterne stélle
duv’e v’avete tròvu i vostri cari,
dite, ci serà lòcu pe’ i miò pari,
e pe’ le muse antiche e le nuvelle?

 

Se vo’ mi preparate un pusatogghiu,
duve l’ànghiuli parlanu un latinu
chi pare còrsu, e un frate balaninu (1)
dice chi u paradisu è un dannatogghiu,



vi prumettu d’un fabbi più stravede:
tantu, oramai, sò vécchiu cum’e voi.
Ma ch’éo trovi ancu a Paoli e i s’Eroi
E quella Sòra (2) di tamanta fede!
 


 
Anto Francescu Filippini

 

  1. Padre Tumasgiu ALFONSI, autore, tra l’altru, di a bella puesia “A risposta di u mulìnagghiu” ch’à ispiratu ‘sti versi.

  1. La Signora Monaca RIVAROLA. Préghemu di rilégghie, a ‘stu prupositu, u racontu di Prete CARLOTTI (Martinu Appinzapalu), chi s’intitula: “Sottu a quellu castagnu).


Opinioni | Articoli | Documenti | Abbiamo letto | Notizie | Corso | Archivi | Miscellanea




Galleria
Vista dal cielo
Cittadella di Bonifacio
Cittadella di San Fiorenzo
Bastia-palazzo dei Governatori genovesi
Chiesa di Patrimonio
Città romana d'Aleria - Il forum
Stagno di Biguglia
Cattedrale di la Canonica
Rogliano
Stagno di Biguglia
Torre genovese di Miomo
Chiesa San Michele di Murato
Cittadella di Bonifacio - Le mura
Bastia-palazzo dei Governatori genovesi- Cortile interno






Registrazione alla newsletter









Scambio di link tra i nostri siti