A Viva Voce
Alcuni uomini e alcune donne di Corsica, premurosi del rinverdimento della lingua dotta dei nostri antenati hanno deciso di pubblicare questa rivista in lingua italiana. Essa è un nostro retaggio e un puntello per mantenere viva la lingua còrsa.
Home
Invia a un'amico
Stampa
aumenta la taglia del testo
diminuisci la taglia del testo
Corso
Santu Casanova

L'invernu in Corsica


Santu Casanova, detto "Ziu Santu" (Azzana 1850 – Livorno 1936) è stato uno dei padri della letteratura còrsa moderna.


L'invernu in Corsica

L'Invernu in Corsica
 

Tutte le nostre muntagne
Parenu tante spusate ;
I gligli si so sfiurati
Par copre le so vallate,
E l'acque di li ruscelli
Lucenu cume vitrate.

Soffia in orrida timpesta
La piu cruda tramuntana ;
Ogn'acellu infritulitu
Da i monti s'alluntana
E la volpe di rapina
Porta carne in la so tana.


Cumu faranu li ricchi
Cundannati à lu fucone ?
Un piengu li puvarelli
Chi campanu di canzone ;
Cu a spiranza sempre in pettu
Spegnenu lu nivaghjone.
 

Furtuna chi u parcittore
Un si move di' Jinnaghju
Ma sorte quande lu cuccu
Versu li primi di maghju
E manda le carte gialle
Par fa scorn'à u rusulaghju !
 

Si vo' un aveta cappotti,
Ne piloni, ne mantelli,
Racumandatev'à un focu,
Stu babbu di l'urfanelli,
Ma un appiccate pignatta
Chi so chjusi li macelli.
 

Cuminciate pur'avà
A fa lu quarisimale ;
U dighjunu sara longu
E cortu lu carnavale ;
In Corsica un c'è più Pasqua
Ne fistini di Natale.
 

Fussimu puru bugiardi
Cume certi diputati,
Turnassinu l'anni d'oru
Da noi tantu suspirati,
Chi saria u nostru dicoru
D'esse tutti furtunati.


Ma so puri desiderii,
Illusione di ciarbellu !
Qual'è ch'un pensa ricchezze,
Qual'è un face un castellu,
Durmendu nantu le piume,
Ancu sottu lu mantellu ?
 

Oh ! sonnij ne femu tutti
A pro di li nostri cari !
Li prighemu la furtuna
E l'incenzi di l'altari,
E curone di l'alloru
Cu li tituli più rari.
 

Ma li sonnij e le chimere
Chi l'omi facenu in lettu,
Prima chi venga lu 'jornu
Spariscenu senza effettu,
E li monti di ricchezze
Lascianu lu campu nettu.
 

Statevine à lu fucone
Cusgendu li vostri stracci,
Parchi la furtuna ceca
Ha lasciatu li pagliacci,
E vive cu l'impustori
Chi guidanu i pupulacci.

Allivate li figlioli,
Fàtene corsi di core,
Par cunsirvà quella razza
Ch'era sempre pront' à more
Pa la Patria, pa la Croce,
Pa la vita e par l'onore.


Avà chi face lu fredu,
Aggruppati à lu fucone,
Cuntate le storie corse
E cantate le canzone
Di Sampieru e Sambucucciu,
Paoli e Nabulione.
 

L'invernu sarà piu cortu
E lu fredu menu forte ;
I zitelli ascultaranu,
Starà à sente la cunsorte,
E impararanu ad apre
A i povari e so porte.

 

Santu Casanova
 



 
Santu Casanova cominciò a scrivere in italiano; fra le sue opere si distinguono Meraviglioso testamento di Francesco, morto in Cargese li 18 maggio 1875 (1876), Contrasto curioso fra un Guagnese e un Chiglianese (1876) e Morte e funerali di Spanetto (1892).
 
Nel 1896 fondò il settimanale satirico A Tramuntana, la prima rivista interamente in lingua còrsa, pubblicata sino al 1914. A Tramuntana trattava di tutti i soggetti: economici, sociali, scientifici, letterari e politici. In essa Casanova cercò di fissare l'ortografia del còrso.
 
In questa rivista sono stati pubblicati tutti i futuri autori in lingua còrsa, fra i quali Petru Rocca.

Autore di :
 
  • Primavera Corsa (1927)
  • Fiori di Cirnu (1930)
(Wikipedia)
L'invernu in Corsica

Opinioni | Articoli | Abbiamo letto | Documenti | Notizie | Corso | Archivi | Miscellanea




Galleria
Cittadella di Bonifacio - Le mura
Bastia-palazzo dei Governatori genovesi- Cortile interno
Chiesa San Michele di Murato
Vista dal cielo
Cattedrale di la Canonica
Stagno di Biguglia
Rogliano
Chiesa di Patrimonio
Cittadella di San Fiorenzo
Cittadella di Bonifacio
Città romana d'Aleria - Il forum
Torre genovese di Miomo
Bastia-palazzo dei Governatori genovesi
Stagno di Biguglia






Registrazione alla newsletter









Scambio di link tra i nostri siti