A Viva Voce
Alcuni uomini e alcune donne di Corsica, premurosi del rinverdimento della lingua dotta dei nostri antenati hanno deciso di pubblicare questa rivista in lingua italiana. Essa è un nostro retaggio e un puntello per mantenere viva la lingua còrsa.
Home
Invia a un'amico
Stampa
aumenta la taglia del testo
diminuisci la taglia del testo
Opinioni in italiano
Paul Colombani

Lettera dall'America


Una lettera scritta da Montgomery (Alabama)


Lettera dall'America
 
Cari lettori, questo sarà un numero senza fondo. Cioè abbiamo preferito, invece del solito articolo di fondo al quale viene tradizionalmente dedicata la nostra prima pagina, pubblicare una lettera scritta il 2 aprile 1888 da Montgomery (Alabama, Stati Uniti d'America) da tale Matteo Pellegrini alla sorella Cecilia, rimasta a Rogliano di Corsica. Cecilia Pellegrini era la zia del nonno dell'autore di queste righe.Abbiamo lasciato gli errori, ben sapendo d'altronde che a quell'epoca la sintassi non sarebbe stata migliore presso moltissimi italiani di pari condizione sociale, anzi. Sappiamo che anche alla madre i fratelli scrivevano in italiano. D'altronde in quale lingua potevano scrivere?

Cara sorella Cecilia
Benchè io non abbia avuto il piacere di leggere la tua lettera,io non trovandomi a casa quando che fù ricevuta quà, sò a poco presso ciò che contiene. La tua lettera si trova in mano ai fratelli di Porto Rico dove mi fù inviata, essendo là a passare qualche giorni con essi dove pure abbiamo avuto l'opportunità di parlare un poco della casa in Corsica.
Gli ho scritto che ne prendano conoscenza di questa tua lettera e dopo rinviarmela a Montgomery dove la leggerò io stesso con attenzione e dopo avere consultato con gli altri fratelli ti darò una risposta definitiva.
Avrei molte cose a parlarti ma le riservo ad un prossimo avvenire, con tutto ciò sono stato sensibile a certe belle espressioni della tua lettera verso di me e ti ringrazio della buona opinione che ti sei formato del tuo fratello Matteo.
In riguardo a quei vecchi atti che Giorgio portò con lui in America benchè io stesso non abbia approvato questa sua idea, lui ha fatto questo pensando di mettergli in luogo più sicuro che quello che occupavano nella casa in Corsica, ma resta tranquilla, saranno resi al loro luogo naturale.
Giorgio si trova nella California del Sud ancora una altra volta nei affari.
Per adesso non ti dirò altro che qualunque sia il scambiamento che è riservato alla nostra casa non v'è alcuna ragione per credere che è destinata a perdersi; dunque ti prego di credere che mi occuparò a secondare le tue vedute per il bene della casa ed essere in breve tempo in posizione di darti una risposta favorevole. Intanto resta calma aspettando e sperando dei giorni migliori.
Ti prego di porgere i complimenti alla cognata Agatina x Giuseppe M. zia Memenica x Giovan Carlo.
Ti lascio sperando presto di darti ancora delle mie notizie e ti prego in aspettando di credere ai sentimenti affettuosi del tuo fratello
Matteo
Questa lettera ci è sembrata interessante per vari motivi. Prima perché offre uno spaccato di vita dell'emigrazione còrsa, e più specialmente capocorsina, nell'America di allora con l'approdo a Porto Rico, poi di lì negli Stati Uniti, in Alabama, California, ma anche in Lousiana e Florida. Ed erano in tanti. Dobbiamo confessare di provare nostalgia e rimpianto. Sì, rimpianto, pensando alle generazioni di funzionari statali che hanno seguito. Intendiamoci, sappiamo benissimo quanto per i Còrsi sia stato utile arruolarsi nelle folte schiere dell'amministrazione dello Stato, lasciando un paese povero e che comunque allora non avrebbe potuto dare loro sostentamento, almeno a tutti, ma non possiamo non pensare che questo bene provvisorio sui tempi lunghi abbia sortito un male e ci abbia fatto prendere una strada sbagliata. Purtroppo, adesso che le circostanze sono cambiate molti di noi hanno preso una mentalità impiegatizia, e, soprattutto, ciò che è stato un bene provvisorio per i Còrsi è stato micidiale per la Corsica.
Interessante anche questa lettera perché viene ad appoggiare quanto andiamo ripetendo da mesi su A Viva Voce a proposito dell'uso della lingua italiana. E' ovvio che qui non si tratta, come sostenuto da alcuni, di gente che usa l'italiano per un qualsiasi snobismo, che pretende ad un elevato rango sociale e intende distinguersi dal popolo scrivendo in lingua aulica, si tratta semplicemente di persone che usano la lingua che viene più facile usare, in qualche modo la versione scritta della propria, in grado di essere capita senza il minimo sforzo dagli altri. E tutti sappiamo che quest'italiano per un còrso non ha bisogno non solo di traduzione ma nemmeno di adattamento. Per scrivere in francese bisognava imparare un'altra lingua, per l'italiano bastava poco e uno si faceva capire anche dagli analfabeti. Ci scusiamo di dover ripetere cose che per alcuni sembreranno ovvie, ma che forse nono lo sono più per i più giovani e comunque è bene farle sentire dal vivo.
Un'ultima cosa: la casa di cui si sta parlando in questa lettera è oggi di proprietà di chi scrive. E finché sono vivo io in quella casa a nessun estraneo sarà concesso farla da padrone.
Paul Colombani


 
Paul Colombani
17/02/2002

Opinioni in italiano | Opinioni in francese




Galleria
Torre genovese di Miomo
Bastia-palazzo dei Governatori genovesi
Cittadella di Bonifacio - Le mura
Stagno di Biguglia
Vista dal cielo
Cittadella di Bonifacio
Rogliano
Cattedrale di la Canonica
Cittadella di San Fiorenzo
Chiesa San Michele di Murato
Bastia-palazzo dei Governatori genovesi- Cortile interno
Stagno di Biguglia
Chiesa di Patrimonio
Città romana d'Aleria - Il forum






Registrazione alla newsletter









Scambio di link tra i nostri siti