A Viva Voce
Alcuni uomini e alcune donne di Corsica, premurosi del rinverdimento della lingua dotta dei nostri antenati hanno deciso di pubblicare questa rivista in lingua italiana. Essa è un nostro retaggio e un puntello per mantenere viva la lingua còrsa.
Home
Invia a un'amico
Stampa
aumenta la taglia del testo
diminuisci la taglia del testo
Corso
A Viva Voce

Sirinatu di Scappinu


« U sirinatu di Scappinu » è considerato come il primo testo pubblicato in lingua corsa in un' opera litteraria. Si trova nel Quarto Canto della Dionomachia, opera quasi totalmente scritta in italiano da Viale e stampata per la prima volta a Bastia nel 1817.


Sirinatu di Scappinu

Salvatore Viale (1787-1861) è stato uno scrittore, poeta e magistrato bastiese, il primo autore ad impiegare la lingua corsa in un'opera di rilievo letterario, la Dionomachia. Informato ad idee liberali, ha svolto un ruolo di rilievo nel recupero della tradizione culturale e nazionale del popolo còrso e ha difeso il ruolo della lingua italiana come lingua colta dell'isola.



 


U sirinatu di Scappinu



 


O spechiu d'e zitelle di la pieve
O la miò chiara stella matuttina
Più bianca di lu brocciu e di la neve
Più rossa d’una rosa damaschina
Più aspra d’a cipolla, e d'u stuppone
Più dura d’una teppa, e d'un pentone.



 


Tù m'hai strigatu : eo struchiu a pocu a pocu
Sò spitittattu, e au core achiu gran pena.
A notte un dromu, e nun ne trovu locu
Cume manghiassi a nepitella a cena ;
Lasciu andà le miò sciotte a gueru intornu
E un tessu mancu tre fattoghje a u ghiornu.



 


Duve fai trischie u sabatu pe u fornu
Eo vengu in nice di circà u vitellu ;
Ti facciu u cherchu, e ti vo sempre attornu
Cumme lu tò agnellettu e cagnulellu.
Ammi tant'u to cucchiu e u to mertinu ;
E pò tant' odiu porti a me mischinu.



 


Se in cherciula dai cena a u mannerinu
A sera, o cogli in l'ortu l'insalata
T'appostu, e tu ma' nun mi voi vicinu.
Eppuru eo t'ammu, e t'achiu sempre amata
Fin da quandu era tantu chiuculellu
C'un m'arrivava a coglie a u summerellu.



 


Lasciava spessu scumbià l'agnelle
Cullava a coglie e frutte sui chiarasci
Cun tecu e mi jucava alle piastrelle
E guagnandu bulea l'impatta in basci.
D'u morsu, chi per zerga a lu puchiale
Tù m'attaccasti, achiu ancu u mercu avale.



 


Un ghiornu, ch'era in tempu di sighere
E d'orzu novu si fecìa lu pane
Tu cantavi a diana ; eo cun piacere
Sottu un sepalu stava ad ascultane.
All' impruvisu ti venne la tossa ;
Eo dissi : lisca ! e tu ti festi rossa.



 


Ti ricordi in quest'ultima nivata ?
Tiravi e tolle, e a u tò valcon supranu
Fecìe tra mezzu a l’albe l'affaccata.
Eo fecìa a boccarisa un basgiamanu.
Quelle sere eo venìa da tè a vighjane
E ghjucavamu inseme à scallamane.



 


Vengu spessu cù a cetera à u to fucone
Mi arrembu a tè ne, e allor' sò tuttu in bena,
E sonu e cantu strunelli è canzone ;
Mi scordu di lu sonnu e di la cena;
U troppu, duv'eo sto, mi par di piume,
E nun mi curu d’acciecà di fume.



 


Ti dedi u core, o Filignocca ingrata
E tuttu u meo ti sarìe prontu a dane
U casciu, ch’a mio vacca bracanata
Mi fa' gni jornu, eo lu vendu in citane
E a l'appiattu di mamma e d'e surelle
Ti ne accattu frisgetti, achi, è curdelle.



 


T'aghiu datu una reta crimisina
Cun quattru pendalucchi, infrisgiulata
Un cusacchinu à frange di stamina ;
Quandu lu porti pari una spusata.
In ghiescia la dumenica da mane
Sì l'inviglia di tutte e paesane.



 


Vulentier lascerie d'esse Scappinu
Per esse u casacchiu, ch'eo ti dunai
E stringhie lu to senu alabastrinu ;
E or chì durmendu in lettu ti ne stai
Oh fussi u cavizzale, o u cuscinettu
O u lenzolu supranu d'u to lettu !



 


Salvatore Viale (1817)
 
 


Sirinatu di Scappinu

Opinioni | Articoli | Documenti | Abbiamo letto | Notizie | Corso | Archivi | Miscellanea




Galleria
Torre genovese di Miomo
Bastia-palazzo dei Governatori genovesi- Cortile interno
Cittadella di Bonifacio - Le mura
Cattedrale di la Canonica
Stagno di Biguglia
Città romana d'Aleria - Il forum
Cittadella di Bonifacio
Chiesa di Patrimonio
Stagno di Biguglia
Rogliano
Chiesa San Michele di Murato
Bastia-palazzo dei Governatori genovesi
Vista dal cielo
Cittadella di San Fiorenzo






Registrazione alla newsletter









Scambio di link tra i nostri siti