A Viva Voce

Alcuni uomini e alcune donne di Corsica, premurosi del rinverdimento della lingua dotta dei nostri antenati hanno deciso di pubblicare questa rivista in lingua italiana. Essa è un nostro retaggio e un puntello per mantenere viva la lingua còrsa.
Forum

Un sito con tante immagini interessanti.

 Maurizio per la nostra Lingua.
Lunedi 22 Ottobre 2012

Stampa versione
[Ignorare]
Credo che il Prof. Colombani abbia fatto bene a pubblicare sul sito una poesia in genovese per far capire come questa lingua non sia stata imposta ai còrsi e quanto sia diversa dall'italiano.

Evidentemente neanche le precise e dotte spiegazioni di persone studiose e competenti bastano ormai a sfatare quelli che appaiono miti consolidati e indiscutibili come la distanza, se non addirittura l'estraneità della Corsica dall'ambito linguistico e culturale italiano. Servono documenti, affinché gli odierni "S. Tommaso" riescano a capire e a ricordare ciò che hanno dimenticato (o gli è stato fatto dimenticare?).
Ben venga dunque l'esibizione di quella poesia, del lunario bilingue còrso-italiano del 1917, degli editti, degli atti e della corrispondenza in italiano, sia privata che commerciale, fra còrsi e di tutti quei documenti che provino come almeno per un secolo e mezzo dopo il passaggio alla Francia i còrsi abbiano continuato a sentire e considerare l'italiano come loro lingua e come i rapporti tra Corsica e Italia non siano stati solo e sempre conflittuali ma anzi, il più delle volte pacifici, produttivi e intensissimi.

Visto che anche le foto sono documenti, voglio segnalare questo link: http://giancarlo.photos.club-corsica.com/rub-pezzetti-di-corsica-in-italia-%7C-petits-bouts-de-corse-en-italie-_248.html, dove si possono trovare circa 200 foto relative alle "memorie" còrse presenti in Italia, specialmente nel Lazio e nella città di Roma dove i Còrsi, come tutte le "Nazioni", avevano, distintamente dai Genovesi (che avevano S. Giovanni Battista) e dai Francesi (che tutt'oggi hanno S. Luigi), una propria Chiesa Nazionale e dei quartieri dove poter trovare ospitalità, alloggio e un luogo in cui discutere e trattare delle loro questioni e dei loro affari.

Il link è interessante non solo per la documentazione fotografica in sé ma anche per le spiegazioni che accompagnano talvolta le immagini, riprese da varie opere storiche o fornite dai frequentatori còrsi o italiani del sito.
 Enrico
Venerdi 2 Novembre 2012

Stampa versione
[Ignorare]
Chi è stato in Corsica ed ha comunicato con i Corsi avrà riscontrato come non sia genovese questa lingua (ad eccezione dell'isola linguistica di Bonifazio). Direi che i genovesi hanno lasciato molte vestigia ma poche tracce linguistiche (la prima che mi viene in mente è "carrughju" per indicare una strada o un vicolo stretto)
Bisogna però considerare i 4 secoli precedenti di influenza pisana che hanno formato la vera lingua . In effetti la parlata cismontana è assimilabile al toscano antico e se pensiamo alla tradizione persistente fino oltre al XVIII secolo di mandare i figli a studiare a Pisa (e non a Genova).
Seconda e terza scelta erano le università di Roma e di Napoli.
Pertanto Pisa era evidentemete considerata il punto di riferimento , le radici su cui crescere la propria cultura e sviluppare la propria storia.
Tutto ciò venne non casualmente interrotto da un Editto di Napoleone III che invalidava tutti .i titoli di studio conseguiti nell'Università pisana. Inutile aggiungere che tale provvedimento era funzionale,insieme ed altre misure, al disegno di sradicare l'italiano dall'Isola e parallelamente fare entrare nella testa dei corsi quella lingua così straniera vei vocaboli e nella fonetica che gli stessi corsi faticavano assai ad accettare.
Per rientrare nell'argomento originale, Genova ,pertanto, appare esclusa da queste dinamiche linguistiche e non può avere imposto nessuna lingua in quanto il substrato linguistico era già formato



 Giancarlo (Rm)
Domenica 23 Dicembre 2012

Stampa versione
[Ignorare]
Grazie Maurizio per segnalare il mio album "Pezzetti di Corsica in Italia" che ho creato nel corso di circa 2 anni per poter mettere in luce in maniera semplice le evidenti simbiosi storiche tra l'Italia e la Corsica. Spero nonostante gli impegni di poter continuare in futuro questa ricerca di fotografie e informazioni. Saluti ad Enrico
 Maurizio per la nostra Lingua
Lunedi 24 Dicembre 2012

Stampa versione
[Ignorare]
Caro GIANCARLO (Rm),
era il minimo che potessi fare! Trovo la tua raccolta di foto sui "pezzetti di Corsica" in Italia semplicemente fondamentale. Che mi risulti a tutt'oggi è l'unica raccolta simile reperibile su internet ed è interessantissima sia per gli italiani che, soprattutto, per i còrsi. Credo che se la conoscessero di più potrebbero capire meglio i profondi legami fra la loro isola e l'Italia. Sono contento di averla "pubblicizzata" su "A Viva Voce" perché credo che non ci sia niente di meglio delle prove documentali (scritti, lettere, documenti e testi vari, libri e fotografie) per supportare le tesi sostenute da questa bellissima rivista. Più ne troveremo e più potremo dare il nostro piccolo contributo affinché i còrsi possano riscoprire le loro radici. A dire la verità il tuo non è affatto un piccolo contributo. Dalla varietà del materiale che sei finora riuscito a produrre e da quella dei luoghi da cui provengono si capisce che devi aver consultato un bel po' di documentazione, affrontato diversi viaggi e impiegato tanto del tuo tempo e soprattutto tantissima passione per riuscire a realizzare questa bella cosa.
Ti ringrazio per quello che hai fatto e che hai ancora intenzione di fare e ne approfitto per fare i miei più cari auguri di Buone Feste a te e alla tua famiglia.

Maurizio

P.S.

Scusa ma comincio a fare un po' di confusione fra i vari " Giancarli" finora comparsi sul forum (giancarlo, filippi giancarlo, G. CARLO). Sei uno di questi o un altro ancora? Ciao!
 Giancarlo (Rm)
Lunedi 24 Dicembre 2012

Stampa versione
[Ignorare]
Grazie di nuovo per le tue belle parole che mi incoraggiano a continuare ancora questa ricerca, con l'occasione Maurizio ne approfitto per farti i miei più Sinceri Auguri di Buon Natale e grazie per tener vivo questo sito che è indispensabile a scambiare delle idee sulla storia della Corsica.

Per quanto riguarda i vari "giancarlo" del forum non sono nessuno di tutti questi ma bensì il Giancarlo (Rm) che simpaticamente compariva sul vecchio forum di PasqualePaoli.com

Il tuo nome :


La tua e-mail :
 (non pubblicato)


Messaggio
Tag incastono   Annullare
La Sua video sarà pubblicata sotto il Suo post.